fbpx

Seleziona Pagina

La prima visita senologica: cosa devi sapere

La prima visita senologica: cosa devi sapere

La visita senologica è uno degli strumenti che ogni donna ha a disposizione per la prevenzione secondaria del tumore del seno. Utile per tenere sotto controllo lo stato di salute della mammella, è preziosa per effettuare una diagnosi precoce in caso di neoplasia. 

Per molto tempo il controllo del seno è stato demandato ai ginecologi, ma in realtà esiste una figura professionale specializzata in questo ambito, il senologo. 

 

Conosciamo il chirurgo senologo: ecco perché è importante una visita di controllo

 

Visita senologica: quando effettuarla?

Generalmente è importante programmarla almeno una volta all’anno. Facendo riferimento alla prima visita, il Dott. Flavio Guasone, chirurgo senologo e Responsabile della Struttura Semplice Chirurgia Senologica ASL 3, spiega: “Il primo controllo è consigliato solitamente intorno ai 30 anni, nel caso non vi siano problematiche preesistenti e casi di familiarità per tumori mammari”. 

 

  • Facebook
  • cinguettare
  • LinkedIn
  • Pinterest

 

Il controllo senologico

La visita effettuata dallo specialista senologo consiste nel controllare il seno della paziente e decidere gli eventuali esami di approfondimento necessari. Quali sono gli esami diagnostici di riferimento per una diagnosi di tumore mammario? “Tra gli esami distinguiamo prima dei 40 anni l’ecografia e successivamente la mammografia, che può essere completata o meno dalla tomosintesi. La tomosintesi è una particolare mammografia che permette di andare a chiarificare al meglio eventuali problematiche riscontrate dallo specialista”. 

Solo in casi molto particolari, continua il Professore, può essere necessario eseguire anche una risonanza mammaria. 

 

  • Facebook
  • cinguettare
  • LinkedIn
  • Pinterest

 

Ecografia e mammografia: conosciamo gli esami

L’ecografia mammaria sfrutta gli ultrasuoni, non è dunque invasiva. Si tratta dell’esame più indicato in donne giovani ed è considerato complementare alla mammografia in donne con seno denso.

 

La mammografia sfrutta, invece, i raggi X per indagare la struttura interna della ghiandola mammaria. Controindicata in gravidanza, serve per accertare la natura di un nodulo o come test di screening, per individuare formazioni neoplastiche ancora non visibili, in fase precoce e quindi tempestivamente curabili. 

Circa l'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Alcuni dei nostri Partners:

12
4
7
4
8
megagen-partner
9
10
11
previous arrow
next arrow

Aforismi&Citazioni

205803490_313768693788284_2920829524623890827_n
205803490_313768693788284_2920829524623890827_n
205803490_313768693788284_2920829524623890827_n
205803490_313768693788284_2920829524623890827_n
205803490_313768693788284_2920829524623890827_n
205803490_313768693788284_2920829524623890827_n
previous arrow
next arrow

IL METEO

METEO Italia

IL METEO

METEO Italia

Pin It on Pinterest

Share This