Progettato per proteggere tutti i neonati per l’intera stagione dal virus respiratorio sinciziale, il primo anticorpo monoclonale a lunga durata d’azione è efficace.

Di cosa si tratta

Il monoclonale in questione è Nirsevimab, sviluppato da Sanofi e Astrazeneca. L’anticorpo in questione ha raggiunto l’obiettivo dello studio, riducendo del 74,5% rispetto al placebo l’incidenza dell’assistenza medica necessaria per le infezioni del tratto respiratorio inferiore causate dal virus, come bronchiolite e polmonite.

Il 12 novembre celebriamo la Giornata mondiale contro la polmonite

Il ricercatore che ha condotto il lavoro pubblicato sul New England Journal of Medicine è William Muller. A suo dire «è necessario un ampio approccio di immunizzazione per contribuire a mitigare il sostanziale onere globale che l’Rsv impone ai neonati, alle loro famiglie e ai servizi sanitari». La presentazione dei dossier registrativi è prevista per la prima metà del 2022.