fbpx

Seleziona Pagina

Dolore al tallone: il ruolo del fisiatra

Dolore al tallone: il ruolo del fisiatra

Il dolore a questa zona del corpo è un disturbo frequente. Le cause più diffuse sono la tendinite, l’infiammazione del tendine d’Achille (o patologie croniche del tendine d’Achille) e la fascite plantare, spesso associata alla spina calcaneare. Proviamo a capire di più insieme alla Dott.ssa Maria Laura Lopes, medico fisiatra.

 

 

Perché mi fa male il tallone?

  • Facebook
  • cinguettare
  • LinkedIn
  • Pinterest

I fattori che determinano queste patologie sono svariati: la conformazione naturale del piede può avere un ruolo importante (ad esempio, un piede cavo può essere particolarmente soggetto a questi tipi di disturbi), come anche una muscolatura della zona debole; inoltre possono incidere la postura e il modo di camminare.

Non meno importanti sono lo stile di vita e le abitudini quotidiane: il tipo di scarpa calzato può facilitare l’insorgenza del dolore al tallone, in particolare le scarpe strette e con il tacco per le donne, ma anche quelle troppo basse, come le ciabatte di cui si fa tanto uso durante il periodo estivo. 

 

 

I sintomi più comuni del dolore al tallone

  • Facebook
  • cinguettare
  • LinkedIn
  • Pinterest

 

Il dolore al tallone colpisce le persone comuni e molto spesso gli sportivi, soprattutto coloro che si dedicano ad attività che sollecita in modo particolare il piede, come la corsa o il salto. Il sintomo tipico della fascite plantare? Dolore, soprattutto da fermi. La tallonite da fascite plantare genera tipicamente dolore al risveglio, con forte fastidio quando si compiono i primi passi appena scesi del letto. Il dolore si riduce deambulando. Lo stesso succede quando ci si alza in piedi dopo un periodo trascorso seduti. 

 

 

Lo specialista che ti può aiutare

  • Facebook
  • cinguettare
  • LinkedIn
  • Pinterest

 

In una tale situazione è necessario rivolgersi ad uno specialista. Il fisiatra ha il compito di inquadrare la patologia e individuare cause o fattori scatenanti, per rivedere insieme al paziente lo stile di vita. In alcuni casi, ad esempio, può rendersi necessario utilizzare un ortesi plantare, per favorire l’appoggio adeguato del piede al suolo, prevenendo infiammazioni. Sono tante le possibilità terapeutiche da considerare per ritrovare benessere: eseguire, ad esempio, la terapia a onde d’urto o la terapia infiltrativa è utile solo se associate a della fisioterapia atta a riequilibrare la muscolatura e migliorare l’elasticità dei tessuti, per questo la collaborazione tra medico e paziente è fondamentale.

 

Continua a seguirci sulle pagine Facebook e Instagram di Qui Salute Magazine!

Circa l'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Alcuni dei nostri Partners:

12
4
7
4
8
megagen-partner
9
10
11
previous arrow
next arrow

Aforismi&Citazioni

205803490_313768693788284_2920829524623890827_n
205803490_313768693788284_2920829524623890827_n
205803490_313768693788284_2920829524623890827_n
previous arrow
next arrow

IL METEO

METEO Italia

IL METEO

METEO Italia

Pin It on Pinterest

Share This