Ci sono molte aspettative nei confronti dell’aggiornamento iOS 16. I mesi scorsi sono stati intensi, se pensiamo che iOS 15 ha introdotto un sistema di notifiche ridisegnato e modalità Focus, Audio spaziale e SharePlay nelle chiamate FaceTime, Live Text, carte d’identità nell’app Wallet e nuove funzionalità per la privacy, nonché riprogettazioni per Safari, Mappe, Meteo e Note. ‌Allo stesso tempo, le ultime notizie ci dicono che iOS 16‌ si sta preparando per affrontare ancora una volta le notifiche aggiungendo un numero considerevole di perfezionamenti all’app Salute.

iOS 16

Riscontri sull’aggiornamento iOS 16 e sulle aspettative del pubblico

Gurman è l’origine di molte delle voci sull’app Salute di iOS 16 e sulle funzionalità di sistema, ma ci sono stati anche suggerimenti dal Wall Street Journal. Proviamo a scendere maggiormente in dettagli, arrivati a questo punto, partendo da un’analisi sull’aggiornamento iOS 16 focalizzata in primis sulle caratteristiche del sistema:

Notifiche avanzate

Funzione di rilevamento degli arresti anomali, la stessa di watchOS 9
Supporto preliminare per il visore per realtà mista di Apple

App per la salute

Monitoraggio del sonno esteso
Nuova funzione di gestione dei farmaci per scansionare le pillole e ricevere promemoria per prenderle
Nuove caratteristiche per la salute delle donne

Mela Musica

App Apple Music opzionale per musica classica con specializzazioni per metadati di musica classica
Interfaccia utente basata su Primephonic
Aspetti “visivi, uditivi e tattili”.
Opzione per reindirizzare dai brani nell’app ‌Apple Music‌ ad Apple Classical
Supporto per audio senza perdita di dati e spaziale
I segni dell’app Apple Classical sono stati individuati nel codice beta di iOS 15.5. È quasi certo che Apple Classical sarà presente in ‌iOS 16‌, ma c’è la possibilità che possa debuttare in una data precedente. Ad esempio, Apple potrebbe svelare la nuova app al WWDC, ma renderla immediatamente disponibile tramite un aggiornamento a ‌iOS 15‌.

Secondo quanto riferito, iOS 16 includerà il supporto integrato per il visore per realtà mista di Apple per gettare le basi per il nuovo dispositivo. Gurman ha osservato che ciò significa che Apple “potrebbe teoricamente visualizzare in anteprima gli aspetti tecnici dell’auricolare o del suo software, senza mostrare l’intero dispositivo” al WWDC.

‌iOS 15‌ supportava gli stessi dispositivi di iOS 13 e iOS 14, con ‌iPhone‌ 6s, ‌iPhone‌ 6s Plus e iPhone SE di prima generazione come i dispositivi supportati più vecchi. Non è chiaro se ‌iOS 16‌ abbandonerà finalmente il supporto per questi dispositivi più vecchi con il chip A9. Staremo a vedere se il nuovo aggiornamento iOS 16 saprà rispettare tutte queste aspettative nei prossimi mesi.